Deprecated: Function create_function() is deprecated in /kunden/359261_6812/hosting/ens_neu/wp-content/plugins/LayerSlider/wp/widgets.php on line 4

Deprecated: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in /kunden/359261_6812/hosting/ens_neu/wp-content/plugins/js_composer/include/classes/core/class-vc-mapper.php on line 111
Coaching – Tonicarriero

Al negozio

Coaching 1:1

Si pensa ad un allenatore per? Poi chiedetevi se si cenno i seguenti 5 punti, o può essere d’accordo:

• Sono disposti a cambiare? Coloro che credono che per essere tutto perfetto, cercando piuttosto di conferma. Coaching, ma ti porta fuori della vostra zona di comfort, di regola, presenta nuove sfide, costringendoli ad assumersi maggiori responsabilità per la tua vita.

• Sei pronto a sentire la verità? Soprattutto quando si fa male? Un buon allenatore terrà uno specchio, forse anche criticare. Anche se sempre costruttiva, ma atto che può solo se non andare subito sulla difensiva, ascoltare e riflettere su quello che sentono onesti.

• Offre nuove prospettive? Un buon allenatore vi aiuterà a espandere gli orizzonti per scoprire nuovi obiettivi e set. Così sarà un successo, non si deve solo portare il cambiamento sarà, ma vera e propria avventura. Il desiderio e la curiosità di imparare cose nuove. Questo è qualcosa di diverso, “Bene, allora provo questo solo una volta …”

• Non aprire a te stesso? Il punto è legato ai primi due, ma va un passo oltre: Vuol dire che siete veramente coinvolto con la vostra nuova immagine di voi stessi, mettersi in gioco per esso. Ma anche accettare un quadro completo e onesto della vostra situazione attuale.

• Sei attento agli altri? Un allenatore completo include l’impatto sugli altri, il confronto di auto-percezione e la percezione degli altri. Anche il coachee ha bisogno di apertura e di riflessione. In caso contrario, il coaching rimane contenuto piuttosto schmalspuri

• la mobilità. Se si desidera solo per sentire che sta facendo molte cose per bene, non ha bisogno di un allenatore, ma i fan. Al contrario, coloro che è consapevole delle sue imperfezioni e vuole cambiare questo ed è disposto a lasciare zone di comfort attuali, si può ottenere il massimo del coaching.

• critiche. Siate onesti: Si può gestire la verità? E per andare senza eguali sulla difensiva e di giustificarsi? Perché questo è il punto, se si vuole imparare. Chi non vuole trovare ragioni – che vuole trovare modi costruttivi.

• consapevolezza. Questo significa non solo a voi stessi di essere onesti con il proprio comportamento e riflette percepire. Mindfulness include anche la disponibilità ad assumere costantemente nuove prospettive da cui imparare queste differenze e di crescere. Perché tutta la vita è frammentario.

Ma come è un coaching tipico? Buona domanda. Infatti, si può classificare il corso classico di questo aiuto per l’auto-aiuto in sette fasi. Naturalmente, questi non sono mai così chiaramente definiti nella pratica, ma mostrano indirettamente ciò che è importante per te nel coaching:

• Discussione preliminare
In questa prima fase di warm-up, l’allenatore e il coachee si familiarizzano reciprocamente, chiariscono gli ambiti di carriera e le modalità di lavoro, creano fiducia reciproca e individuano i punti principali del coaching. Spesso la situazione attuale del gestore è affrontata, così come gli obiettivi e il periodo di tempo per il coaching.

• Accordo
La chimica ha ragione. Ma prima che cominci, entrambi devono risolvere il frame: gli obiettivi? Le aspettative? Quante sessioni ci sono? Dove e quando si svolgono? Cosa succede se una persona fallisce? E naturalmente, che costerà?

• Analisi
Inizia il coaching. L’allenatore ora domina, raccoglie informazioni, individua aree problematiche, li specifica e analizza potenziali blocchi e potenziali nel cliente. Non fornisce ancora dettagli concreti.

• Modifica
L’allenatore ora dà i primi feedback, riflette la sua analisi, presenta opzioni e strategie d’azione. Queste non sono tuttavia istruzioni, ma moderano le fasi del cambiamento desiderato dal cliente. In ogni caso, egli chiede domande o rafforza il coachee nella sua decisione.

• Attuazione
Ora ci sono compiti a casa: l’allenatore trasferisce i passaggi identificati in azioni concrete in ogni giorno. Cruciale è ora la volontà e la disciplina del coachee.

• Controllo del successo
Che cosa è successo? Che cosa è cambiato? Allenatore e coachee stanno analizzando l’efficienza e il successo delle strategie concordate. Prendono ulteriori passi da loro, o entrambi si riorientano e sviluppano nuove strategie e compiti a casa.

• Completamento
Il coaching non dovrebbe mai finire. Termina con una sintesi finale: Che cosa ha imparato il coachee? Quali metodi e competenze ha sviluppato? Era soddisfatto del consiglio? E si affida a padroneggiare i problemi che ha affrontato senza un allenatore? perché ei

    Vorrei registrareVorrei richiamare

    La nostra offerta di coaching